normativa condominio


La sezione 'Legislazione' dedicata alle norme legate alla vita di condominio.

Vi sono pubblicate le norme del Codice Civile e le Disposizioni di Attuazione del Codice Civile che disciplinano la comunione e il Condominio, con ampi riferimenti giurisprudenziali e sentenze della Suprema Corte di Cassazione che enunciano indirizzi in materia condominiale.
Codice Civile | Sentenze | Giurisprudenza
normativa condominio
19/08/2013
ORARI UFFICIO

Lo Studio Buffa SAS informa i propri clie... segue

30/09/2012
Riforma del condominio L'abc della riforma. Il 27 settembre 2012, la Camera dei Deputati ha approvato il PDL di riforma del condominio n. C.4 041.

Riforma del Condominio:il PDL C.4041 approvato alla Camera.L'abc della riforma.Il 27 settembre... segue

normativa condominio
normativa condominio
normativa condominio
Username:
Password:
 
recupero password
normativa condominio
Studio Buffa sas
Studio Amministrazione Condomini e Consulenze Immobiliari

Via Raoul Chiodelli 64
00132 Roma
Tel 06 2424096
Fax 06 97251897
Cell. 339 3331743
posta@amministrareimmobili.it

associato Anaci Roma

Normativa: Sentenze Condominio

Bilancio passivo del condominio e credito dell'amministratore

Corte di cassazione, sentenza n. 10153/2011

Se il bilancio approvato dal condominio in passivo, non vuol dire che via sia un corrispondente credito da parte dell'amministratore. Lo ha stabilito la Corte di cassazione con la sentenza n. 10153/2011, ribaltando il verdetto della Corte di Appello di Roma che aveva riconosciuto agli eredi di un amministratore di condominio il diritto alle corrispondenti somme.


Per i giudici di Piazza Cavour dovr decidere altra sezione della medesima Corte attenendosi al seguente principio: 'in materia di deliberazione di assemblea condominiale, l'approvazione del rendiconto ha valore di riconoscimento di debito in relazione alle sole poste passive specificamente indicate. Pertanto, l'approvazione di un rendiconto di cassa che presenti un disavanzo tra uscite e entrate, non implica che, per via deduttiva, possa ritenersi riconosciuto il fatto che la differenza sia stata versata dall'amministrazione utilizzando denaro proprio, ovvero che questi sia comunque creditore del condominio per l'importo corrispondente, atteso che la ricognizione di debito, sebbene possa essere manifestata anche in forma non espressa, richiede pur sempre un atto di volizione su di un oggetto specificamente sottoposto all'esame dell'organo collettivo, chiamato a pronunciarsi su di esso'.



Fonte: Il Sole 24 ORE


Corte di cassazione, sentenza n. 10153/2011





14/12/2011
Domenica 4 dicembre 2011, Il Presidente del Consiglio Monti presenta alla stampa il contenuto della manovra finanziaria

Le disposizioni che coinvolgono la casa e il condominio nella Manovra Monti spaziano dalle disposizioni per l'evasione fiscale alle liberalizzazion...... segue

25/11/2011
In sei mesi 80 milioni di euro risparmiati dagli italiani grazie alla mediazione

Conciliare conviene e gli italiani, pian piano, sembra se ne stiano accorgendo. Almeno questo quanto emerge dalla lettura dei primi dati sulle ...... segue

14/11/2011
Detrazione Irpef del 36% per le ristrutturazioni

Con Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate in data 2 novembre 2011, vengono forniti chiarimenti sulla documentazione da conservare ...... segue