• Lunedì - Venerdì 9.00 - 18.00
  • Via Raoul Chiodelli 64, 00132 Roma RM
  • 06.2424096

News Condominio

In F24 la sostitutiva sulle locazioni

  • visite: 1420

Tris di codici per la cedolare secca

Dovranno utilizzarli i proprietari che hanno scelto la tassazione semplificata dei canoni d'affitto


Arrivano i codici tributo che consentono di versare, con il modello F24, l'imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali comunale e regionale, nonch delle imposte di registro e di bollo, sui canoni di locazione di immobili abitativi.



Chi ha scelto il nuovo regime di tassazione, deve ricordare i numeri 1840, 1841 e 1842. A battezzarli, la risoluzione 59/E del 25 maggio.



Come è noto, da quest'anno, i proprietari, persone fisiche che affittano immobili (al di fuori dall'attività di impresa o di lavoro autonomo) a uso abitativo, possono scegliere di tassare i relativi canoni in modo semplificato, pagando cio un'unica imposta in luogo di quelle ordinariamente previste per questo tipo di reddito.


Due le aliquote previste: 21% e 19%, quest'ultima per i contratti a canone concordato relativi a immobili siti nei Comuni con carenze di disponibilità abitative (Dl 551/1988, articolo 1, comma 1, lettere a e b) e in quelli ad alta tensione abitativa (individuati dal Cipe).



Il versamento va effettuato entro il termine previsto per il pagamento delle imposte sui redditi, indicando nella 'Sezione Erario', colonna 'Importi a debito versati', del modello F24, i codici:



  • "1840" per la prima rata dell'acconto

  • "1841" per la seconda rata dell'acconto o per l'acconto in unica soluzione

  • "1842" per il saldo.



L'ultimo codice può essere utilizzato anche nella colonna 'Importi a credito compensati'.



Il primo appuntamento vedrà 'impegnato' il codice 1840, per pagare la prima rata dell'acconto 2011, in scadenza al 6 luglio.


Fonte: Fisco Oggi


  • Condividi!

by Staff

Assemblea condominiale, richiesta e convocazione

La legge di riforma del condominio (220/2012) ha ampliato la possibilità per il singolo condomino di chiedere la convocazione di assemblea. Innanzi tutto bisogna distinguere la richiesta di assemblea dalla convocazione della stessa.... continua

Diritti estesi parti comuni

La Cassazione civile interviene spesso per definire i limiti entro i quali un singolo condòmino può appropriarsi o comunque utilizzare una parte comune dello stabile.... continua