• Lunedì - Venerdì 9.00 - 18.00
  • Via Raoul Chiodelli 64, 00132 Roma RM
  • 06.2424096

News Condominio

Regione Lazio: approvata la nuova legge sul Piano Casa

  • visite: 1498

stato pubblicato il 27.08.2011 il Bollettino Ufficiale della Regione Lazio che contiene la LEGGE REGIONALE 13 agosto 2011, n. 10, il nuovo Piano Casa Lazio.

stato pubblicato il 27.08.2011 il Bollettino Ufficiale della Regione Lazio che contiene la LEGGE REGIONALE 13 agosto 2011, n. 10, il nuovo Piano Casa Lazio.


Rispetto alla legge precedente, le nuove disposizioni si applicano anche nelle zone agricole e nelle zone più urbanizzate delle aree naturali protette.
Sono esclusi dal campo di attuazione gli insediamenti urbani storici come individuati dal Piano territoriale paesistico regionale e le aree di rischio idrogeologico molto elevato, i casali e i complessi rurali realizzati in epoca anteriore al 1930, gli edifici costruiti nelle aree del demanio marittimo.


Il provvedimento si applica a tutti gli edifici realizzati legittimamente (anche quelli per i quali il titolo edilizio sia stato rilasciato in sanatoria, compresi il caso della formazione del silenzio assenso) e a quelli non ultimati ma che abbiano ricevuto il titolo abilitativo edilizio.


Per gli ampliamenti di edifici esistenti è prevista la possibilità di monetizzare il mancato rispetto degli standard urbanistici nel caso siano impossibili da realizzare le cosiddette opere di urbanizzazione secondaria necessarie. Tale possibilità viene invece esclusa per i cambi di destinazione d'uso.


Le norme relative ad ampliamenti, demolizione e ricostruzione, cambi di destinazione d'uso resteranno in vigore per tre anni.



  • Condividi!

by Staff

Assemblea condominiale, richiesta e convocazione

La legge di riforma del condominio (220/2012) ha ampliato la possibilità per il singolo condomino di chiedere la convocazione di assemblea. Innanzi tutto bisogna distinguere la richiesta di assemblea dalla convocazione della stessa.... continua

Diritti estesi parti comuni

La Cassazione civile interviene spesso per definire i limiti entro i quali un singolo condòmino può appropriarsi o comunque utilizzare una parte comune dello stabile.... continua