• Lunedì - Venerdì 9.00 - 18.00
  • Via Raoul Chiodelli 64, 00132 Roma RM
  • 06.2424096

Leggi e Sentenze Condominio

I provvedimenti dell'amministratore di condominio sono impugnabili per via giudiziaria

  • Sentenze
  • visite: 2026

Quando i condomini ritengono illeggittimo un provvedimento dell'amministratore

Se l'amministratore adotta un provvedimento ai sensi dell'art. 1133 c.c. che i condomini ritengono illegittimo, essi possono sempre ricorrere all'Autorita' Giudiziaria senza dover prima passare dall'assemblea.


Questo e' quello che dice la Cassazione nella sentenza n. 13689 dello scorso 22 giugno.


Cio' tanto se si contesta la legittimita' del provvedimento, in sostanza la competenza dell'amministratore ad emanarlo, tanto se non s'e' d'accordo nel merito.


Si legge nel testo del provvedimento che è opinione diffusa quella che afferma con certezza "l'immediata impugnabilità del provvedimento per motivi di legittimità. Minori certezze sussistono in ordine alla ricorribilità diretta al giudice quando sia controversa una questione di merito, quale quella qui esaminata.


V'e' infatti chi preferisce ipotizzare che sia necessario preventivamente adire l'assemblea per contestare il provvedimento dell'amministratore.


La tesi non convince.


Il testo codicistico prevede infatti il ricorso all'assemblea, senza pregiudizio del ricorse all'autorità giudiziaria, così lasciando trasparire dal punto di vista letterale la compatibilità tra i due rimedi"


Minori certezze sussistono in ordine alla ricorribilita' diretta al giudice quando sia controversa una questione di merito, quale quella qui esaminata. V'e' infatti chi preferisce ipotizzare che sia necessario preventivamente adire l'assemblea per contestare il provvedimento dell'amministratore. La tesi non convince. Il testo codicistico prevede infatti il ricorso all'assemblea, "senza pregiudizio" del ricorse all'autorita' giudiziaria, cosi' lasciando trasparire dal punto di vista letterale la compatibilita' tra i due rimedi' (Cass. n. 13689/11). Si tratta di una buona notizia soprattutto per quei condomini dove, per le piu' svariate ragioni, l'assemblea non e' in grado di deliberare. Assieme alla rimozione del provvedimento dell'amministratore il condominio puo' sempre chiedere, laddove sia in grado di dimostrarlo, il risarcimento del danno subito a causa di quella decisione.


Occhio ai tempi, pero': il provvedimento dev'essere impugnato entro 30 giorni da quando se n'e' avuta conoscenza.


  • Condividi!

by Staff